Distrubi del sonno e cuore: Nuove frontiere nella diagnostica strumentale

Francesco Peverini

02.05.2022

La cosa più naturale che possiamo fare quando siamo stanchi è metterci nel letto, spegnere la luce e riposarci.

Tuttavia, quando un buon riposo notturno è interrotto da un disturbo del sonno come le apnee notturne, quella che dovrebbe essere un’esperienza riposante e ristoratrice può divenire tutt’altro.

Un disturbo del sonno cronico come l’insonnia o una condizione patologica respiratoria in sonno come le apnee notturne, possono avere un effetto devastante sulla vita quotidiana di un individuo e sulla salute a lungo termine, trasformando il sonno o la respirazione in un peso.

Le apnee ostruttive in sonno (OSAS), in particolare, si verificano per una ostruzione ricorrente delle vie aeree superiori e possiamo trovare persone che hanno oltre 4 – 500 apnee per notte.

Sono state identificate numerose complicazioni cardiache associate all’OSAS, come ipertensione arteriosa, diverse aritmie cardiache e la fibrillazione atriale, la morte cardiaca improvvisa, le malattie cerebrovascolari (TIA – ictus), il peggioramento del diabete e la pericolosa eccessiva sonnolenza diurna (al lavoro o alla guida).

Vertigini, senso di stordimento, ansia, fame d’aria notturna, palpitazioni, sonnolenza. Sono tutti sintomi che si verificano su milioni di pazienti, probabilmente causati da aritmie e da apnee notturne non diagnosticate.

Pertanto, questa malattia ha un impatto considerevole sulla salute e sulla qualità della vita delle persone colpite. La prevalenza di OSAS nella popolazione è così alta e l’offerta diagnostica così limitata che c’è una crescente necessità di dispositivi più accessibili, per diagnosticare in modo efficiente e conveniente i nuovi pazienti con apnea notturna. Pertanto, è necessaria una valutazione completa di nuove e personalizzate apparecchiature diagnostiche per l’apnea notturna.

La polisonnografia in laboratorio è lo studio diagnostico di prima linea per la sospetta OSAS. Ma questo test richiede apparecchi complessi e soprattutto che sia realizzato da personale molto competente. Una soluzione intermedia sono gli esami polisonnografici domiciliari che possono essere eseguiti in diversi modi e con risultati accettabili.

Tra le opzioni diagnostiche, una recente frontiera strumentale è rappresentata da un nuovo dispositivo di facile applicazione e accettabilità.

Si tratta di un dispositivo di monitoraggio cardiaco, che si può portare comodamente mentre si svolgono le attività quotidiane e rappresenta un grande aiuto per il medico qualificato nell’effettuare valutazioni accurate a lungo termine della salute cardiaca, sul sonno e sull’attività respiratoria notturna. Attaccato al torace con un comodo cerotto, registra per un periodo che può arrivare a 7 giorni e 7 notti ovunque tu sia.

Il nuovo sistema diagnostico permette il monitoraggio del segnale elettrocardiografico – ECG, una stima indiretta della Pressione arteriosa sistolica e diastolica, la valutazione del Sistema Nervoso Autonomo, lo screening delle apnee notturne e della qualità del sonno con la sua durata, il tutto sempre correlato con la tipologia di attività fisica diurna e la postura assunta durante il riposo.

Il piccolo dispositivo non disturba lo svolgimento delle attività quotidiane, permette di registrare a lungo e contribuisce a garantire il rilevamento di aritmie asintomatiche o poco frequenti. Tale monitoraggio regolare e frequente del cuore

può aiutare a rilevare eventuali anomalie che richiedono ulteriori indagini da parte del medico. Catturare un evento o un disagio in un momento specifico è semplice e si realizza premendo un pulsante.

L’apparecchiatura utilizza l’intelligenza artificiale che aiuta ad elaborare ed interpretare i dati registrati, i quali, una volta integrati ed chiariti, possono portare ad una diagnosi più accurata nel singolo paziente. Anche l’igiene del sonno e l’analisi del ritmo circadiano potrebbero essere riviste grazie a questa apparecchiatura miniaturizzata e in questo modo e ai pazienti potrebbero essere fornite ulteriori informazioni oltre ai numeri relativi al sonno e alle apnee notturne.

L’installazione dell’apparecchio avviene presso il nostro Centro. Il dispositivo è costituito da un piccolo sistema di registrazione, mendo grande di un pendrive, che viene collegato a due elettrodi ECG.

Nelle strutture di assistenza primaria, lo screening e la valutazione per l’OSAS è una priorità. I pazienti hanno bisogno di strumenti di test di screening accurati per prevedere la presenza di OSAS e le eventuali complicanze aritmiche cardiache.

Poiché questo dispositivo è uno strumento di screening, una polisonnografia completa è ancora suggerita per i pazienti chiaramente sintomatici per le apnee notturne.

Se sei affetto da insonnia e/o apnee notturne e curi con discontinuità la tua patologia, puoi chiedere una visita con il Prof. Francesco Peverini per affrontare al meglio i tuoi problemi di salute.

Se hai una patologia cardiaca e presenti russamento, sonnolenza durante il giorno o pause del respiro durante il sonno, aritmie cardiache, fibrillazione atriale, cardiopalmo e fame d’aria notturna, probabilmente soffri di apnee notturne.

Parlane con il tuo medico o chiama i nostri numeri.

CENTRO MULTIDISCIPLINARE PER LA RICERCA E LA CURA DEI DISTURBI DEL SONNO

ROMA – NAPOLI

347 5930259

347 5982287

329 1441837 Secretària in Espanol