La gran parte delle persone, pur avendo sperimentato temporaneamente o a lungo quanto sia difficile avere un buon sonno, è troppo spesso inconsapevole dell’importanza del riposo notturno ed ignora l’esistenza e le conseguenze dei più importanti disturbi del Sonno: INSONNIA, NARCOLESSIA, RUSSAMENTO, SINDROME DELLE APNEE NOTTURNE E OSAS, SINDROME DELLE GAMBE SENZA RIPOSO, DISTURBI DEL RITMO CIRCADIANO, JET LAG, BRUXISMO, SONNAMBULISMO.

Dormire bene è essenziale per la salute fisica e il benessere emotivo. Purtroppo, anche una minima perdita di sonno può produrre un vero “tributo”, con deficit dell’umore, riduzione della vitalità, efficienza e capacità di gestire lo stress. Ignorare il valore di un sonno efficace, può portare a insoddisfacenti condizioni di salute, incidenti, ridotte prestazioni nel lavoro.

Tra tutti i disturbi del sonno, il meno conosciuto è paradossalmente anche il più pericoloso: si tratta della SINDROME DELLE APNEE NOTTURNE, DEFINITA ANCHE OSAS (DA OBSTRUCTIVE SLEEP APNEA SYNDROME).
E’ una PATOLOGICA INTERRUZIONE DEL RESPIRO NOTTURNO, associata a FORTE RUSSAMENTO, che provoca perdita di concentrazione, SONNOLENZA DIURNA, COLPI DI SONNO ALLA GUIDA ed è responsabile di deterioramento intellettuale e comportamentale, depressione, infortuni sul lavoro, incidenti d’auto, ma anche di ipertensione arteriosa, aritmie e mortalità cardiovascolare (ictus).

Tutto questo è oggi facilmente diagnosticabile e trattabile. Con la Polisonnografia si può monitorare il sonno e studiare i disturbi organici in esso presenti, specialmente nei soggetti che lottano con il dormire da molto tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *