Sette, il magazine del Corriere della Sera, in un articolo del 22 aprile descrive il dormire male come una tassa sulla salute.

E il dormire male, causato da disturbi come l’insonnia, le apnee notturne, il russamento, il sonnambulismo e altre patologie, è un fenomeno che colpisce fasce sempre più ampie di popolazione.

Le conseguenze personali sono facili da immaginare e tutti le abbiamo provate dopo una notte travagliata: sonnolenza, irritabilità, incapacità di concentrarci. Pensate che perdere solo un’ora e mezzo di sonno anche per una sola notte, può comportare una diminuzione della vigilanza diurna del 32%.

Se la mancanza di sonno si prolunga, può causare, tra gli altri, problemi cardiovascolari e obesità.

Ma tranne che nel caso di tragedie, non si pensa quasi mai alle conseguenze sociali della mancanza di sonno. Basti pensare agli incidenti causati da colpi di sonno. E questo è solo un rischio tra i tanti.

Ecco quindi che il dormire bene diventa fondamentale per il benessere nostro e degli altri.

Potete scaricare qui l’articolo di Sette in formato PDF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *